Salviatino Firenze: il lusso alberghiero fra storia e tecnologia

Una villa del XV secolo trasformata in un hotel di lusso dove la tecnologia ottimizza le attività quotidiane e rende possibile al personale dedicarsi totalmente alla cura e all’accoglienza degli ospiti. Ecco il segreto del successo dell’Hotel Il Salviatino

Previous Next

L’Hotel Il Salviatino di Firenze è stato di recente eletto il miglior albergo di Firenze dai lettori di Condé Nast Traveler. Non solo. La stessa giuria gli ha assegnato un onorevole 43° posto nella categoriaThe Best Hotels in the World”. E non potrebbe essere altrimenti considerato il lusso estremo che caratterizza questa villa del 15° secolo, tra le colline toscane: da qui il centro di Firenze si raggiunge con un piacevole giro in macchina di  non più di 15 minuti, in mezzo alla suggestiva campagna che circonda il capoluogo fiorentino.
Gli ingredienti del lusso e della classe ci sono tutti: affreschi d’epoca, giardini rigogliosi, opere d’arte alle pareti, balaustre in pietra, archi sontuosi, librerie intagliate nel legno e caminetti in marmo. Gli interni sembrano davvero le sale di un museo.
A impreziosire le camere ci sono profumate lenzuola tessute a mano e morbide pelli di finissima qualità.
Tra gli ambienti più famosi, c’è la Suite Affresco, con il magnifico affresco del Bruschi risalente al 1886 e due tele a olio di Gabriel van der Leeuw, conosciuto come “Il Fiammingo”. E per chi ama i panorami mozzafiato, l’elegante terrazza dell’albergo regala viste sublimi su Firenze e i suoi monumenti.

La ricchezza della storia

La storia de Il Salviatino affonda le proprie radici nella storia stessa di Firenze e delle nobili famiglie a cui la villa appartenne nel corso dei secoli, dai Baldesi ai Salviati (da qui il nome della villa), solo per citarne un paio. Fu poi ospedale, casa di maternità, preventorio infantile, dimora del critico d’arte Ugo Ojetti negli anni ’30, set cinematografico per il capolavoro di Mario Monicelli “Amici Miei” negli anni ’70  e persino sede dell’Università di Stanford a Firenze negli anni ’80. Dopo un periodo di abbandono, nel 2010, la villa fu ristrutturata e trasformata in un hotel 5 stelle lusso.

I comfort di un eccellente 5 stelle

I dettagli tipici del passato sono oggi perfettamente integrati ai comfort e servizi di un moderno 5 stelle, capace di offrire ai propri ospiti elevati standard di accoglienza. C’è una piscina esterna per rilassarsi all’aria aperta. C’è la Spa per regalarsi qualche momento di puro benessere, magari optando per un massaggio Thai. C’è il ristorante per sperimentare prodotti e ricette legati al territorio e alle stagioni. E, soprattutto, per ogni ospite c’è un ambassador personale disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, per soddisfare qualsiasi sua richiesta.

Il ruolo della tecnologia nell’hôtellerie di lusso

La tecnologia ha avuto un impatto massiccio sul mondo dell’ospitalità di lusso. Per gli hotel è ormai d’obbligo monitorare le recensioni lasciate dagli ospiti e, in caso, dare le risposte più adatte, offrire all’ospite un’esperienza senza intoppi sui dispositivi mobili, presidiare i canali social, usare strumenti che tengano traccia delle preferenze degli ospiti e instaurare con loro una relazione diretta attraverso offerte personalizzate.
Per i clienti, la parola tecnologia ha vari significati. Potrebbe essere la possibilità di fare il check-in direttamente sul proprio smartphone prima di arrivare in albergo e, magari, usare proprio il telefonino come chiave per aprire la camera. Significa poter comunicare con lo staff alberghiero via Whatsapp per chiedere informazioni sui prezzi, sulle prenotazioni, sulle modalità di pagamento, sulla fatturazione, su cosa vedere nei paraggi o sui mezzi pubblici più vicini. Significa ricevere proposte e offerte in linea con i propri gusti, con i propri comportamenti e con le proprie esigenze. La tecnologia alberghiera ha l’obiettivo di migliorare l’esperienza dell’ospite sia direttamente sia indirettamente: i clienti si ritrovano in un luogo che sentono sicuro e confortevole, dove possono accedere a tutte le comodità che hanno a disposizione nella vita di tutti i giorni, anzi di più.
A sua volta, il personale del’hotel, facilitato nello svolgimento delle attività quotidiane e scaricato di alcune mansioni, può dedicarsi anima e corpo all’accoglienza dell’ospite.
Portando in hotel la tecnologia giusta, gli hotel possono sorprendere i propri ospiti, snellire l’operatività e generare più ricavi.
Purtroppo, non è semplice per gli albergatori tenersi al passo con i tanti avanzamenti tecnologi di oggi: in questo senso, affidarsi a un partner tecnologico competente e professionale è la scelta migliore. E così il Salviatino ha affidato, ormai da anni, la propria gestione tecnologica a Serenissima Informatica, software house padovana con una comprovata esperienza nel fornire software per l’hôtellerie di lusso: dal gestionale alberghiero protel al software per la ristorazione iSelz, da Hotel Back Office per Microsoft Dynamics NAV per la gestione del back office a Reservation Assistant per la Spa e il centro benessere, il Salviatino dispone di una suite gestionale completa per tenere sotto controllo ogni aspetto delle attività quotidiane e dell’azione manageriale e dedicarsi pienamente all’accoglienza e alla cura degli ospiti.

Si può forse escludere il ruolo fondamentale della tecnologia nel determinare l’identità di lusso della struttura fiorentina?

https://salviatino.com/it/