Nuovi format di accoglienza

CitizenM lancia due nuovi modelli di accoglienza pensati per nomadi digitali, remote workers e aziende globali

di Agnese Lonergan

Previous Next

CitizenM, il noto brand di hotel dal lusso accessibile, lancia due nuove formule di hospitality pensate per i lavoratori 4.0, i nomadi digitali e tutti coloro che hanno dovuto cambiare radicalmente il proprio modo di lavorare, con un’accelerazione dettata dalla pandemia. La situazione socio-economica attuale pone, infatti, le modalità del lavoro in una posizione chiave: stanno cambiando i luoghi e gli spazi a esso destinati, così come il modo di vivere la cultura del lavoro in ufficio, a casa o in qualunque luogo si desideri posizionare un laptop e un telefono. E mentre l’industria dell’hospitality non ha ancora fatto i conti con questa crescente richiesta di spazi riservati al remote working, CitizenM ha prontamente reagito lanciando due tipologie di servizio interamente dedicate a chi non ha o non desidera avere un luogo fisso di lavoro.

La formula “abbonamento corporate by citizenM”, innovativa nel settore dell’hotellerie, consiste nella sottoscrizione di abbonamento mensile – alla cifra di 500 euro – rivolto a lavoratori che cercano un’alternativa alla propria scrivania di casa. Questa tipologia di abbonamento offre la possibilità di lavorare in qualsiasi hotel CitizenM nel mondo, utilizzare le sale riunioni, soggiornare per tre notti (inclusi colazione e welcome drink), avere accesso a tutti i servizi della struttura e usufruire di uno sconto del 10% per ogni notte e ora nelle sale riunioni aggiuntive all’abbonamento.

Questa modalità di fruizione dell’hotel rappresenta una valida ed economica alternativa ai classici spazi di co-working e consente all’azienda di facilitare la gestione delle prenotazioni con un conseguente notevole risparmio di tempo. Inoltre, elimina il rischio di costi imprevisti mantenendo alto il rapporto qualitá-prezzo. L’abbonamento può essere annuale, per i viaggiatori regolari, o rinnovato mensilmente.

Un’altra grande novità introdotta dal brand è il “global passport by citizenM”, un pacchetto di 30 giorni consecutivi presso un hotel CitizenM al prezzo di 1500 euro più sconti su cibo e bevande. Il soggiorno deve essere effettuato per un minimo di 7 notti e la disponibilità da parte della struttura è garantita. Si tratta di una soluzione più competitiva degli affitti a breve termine in grandi città come Londra, Parigi e New York, che soddisfa le esigenze di lavoratori freelance, nomadi digitali o viaggiatori, che al contempo vogliono essere flessibili nelle prenotazioni.

Con questa formula i traveller abituali hanno la possibilità di riservare il pernottamento a un prezzo conveniente, garantendo la prenotazione su un medio periodo e usufruendo di tutti i servizi che CitizenM offre.

 

L’abbonamento Corporate e il Global Passport sono attualmente attivi presso tutti i 21 citizenM hotel presenti nel mondo, mentre per godere di queste formule anche nel nostro Paese dovremo attendere l’apertura del primo citizenM italiano, prevista a Roma entro i prossimi due anni.