Wilma Wunder

L’architetto Mirco Cavallo sceglie il design made in Italy di Billiani per gli esclusivi locali Wilma Wunder del gruppo Enchilada

di Marta Germani

Previous Next

Da caffetteria a bistrot, da ristorante a wine bar: a seconda dell’orario la location Wilma Wunder si trasforma, proponendosi a pubblici differenti nel corso della giornata, offrendo sempre una cucina urbana fatta di prodotti locali e specialità fatte in casa. Già presente in varie città della Germania, Wilma Wunder è la catena dal concept innovativo di una delle maggiori aziende gastronomiche tedesche – il Gruppo Enchilada – che ora aggiunge il nuovo locale di Colonia alla sua lunga lista di aperture. Ma Wilma Wunder non è solo un locale, è anche un concept di tendenza dalla forte sensibilità ambientale, tanto da scegliere di adottare una colonia di api per servire il proprio miele e supportare l’apicoltura sostenibile. Tutte le location di Wilma sono singolari ed eccentriche, immediatamente riconoscibili grazie all‘originalissimo progetto di interior firmato da Mirco Cavallo, architetto trevigiano trasferitosi in Germania dove, cinque anni fa, insieme al socio Hubert Sterzinger, ha fondato Superstudio21, che vanta clienti di prestigio quali Stefan Henssler, Carlsberg e Astor Cinema Lounge.

L’amore per il dettaglio, per il non-banale e il non-anonimo, la propensione a  inserire nel progetto dettagli imprevedibili sono elementi cari a Cavallo, che ha scelto Billiani per portare oltralpe il migliore made in Italy. “Un partner ideale Billiani, pronto a sperimentare qualsiasi proposta, flessibile nella continua ricerca della qualità e della perfezione del fare, a cui tende sottraendo piuttosto che addensando” afferma Cavallo, che si è rivolto all’azienda friulana per la fornitura di tutte le sedute dei suoi progetti per Wilma Wunder. Un’azienda che, grazie al suo elevato livello di customizzazione, gli ha permesso di osare ariditi accostamenti di stoffe, pelli e laccature differenti, anche su singoli articoli. Negli stessi ambienti di Wilma a Colonia, grazie a questa fruttuosa collaborazione, convivono oggi aree più chic, arredate da poltroncine e poltrone Spy e Croissant, nate dai disegni dell’architetto Emilio Nanni, e spazi più rustici, che propongono sgabelli Cafè di Werther Toffoloni, una delle matite più importanti del design friulano e nazionale.