Geist by Space Copenaghen

Un nuovo imperdibile indirizzo gourmet nel cuore della capitale danese. Un progetto firmato Space Copenaghen

di Francesca Tagliabue

foto di Joachim Wichmann

Previous Next

Imperdibile indirizzo nell’agenda gourmet della capitale danese, il ristorante Geist 2.0 si apre sulla centralissima piazza Konges Nytrov con i nuovi interni di Space Copenhagen, lo studio che aveva realizzato anche il precedente fit-out.

Definiamo il nostro approccio “modernismo poetico” – raccontano Signe Bindslev Henriksen e Peter Bundgaard Rützou, il duo dietro Space Copenhagen – L’ambizione è quella di creare nuovi sentieri bilanciando gli opposti, il classico e il contemporaneo, l’industriale e l’organico, lo scultoreo e il minimale, la luce e l’ombra”.

E sono proprio senza tempo gli interni del locale, tutti organizzati attorno a un bancone bar con piano in zinco e frontale rivestito in lamelle di legno, sopra cui sono installate delle strutture per sistemare i calici come originali chandelier.

La palette di colori scelta è neutra, giocata interamente su toni scuri accostati al beige del pavimento in pietra e degli imbottiti. L’ingresso di Geist 2.0 è sottolineato da un portale metallico che, dalla zona social del bar, accompagna i clienti verso la sala da pranzo con cucina a vista. “Geist è moderno, eclettico, nostalgico, leggero – continuano gli architetti – Siamo molto amici del proprietario, Bo Bech, che desiderava uno spazio che favorisse incontri e chiacchiere, uno spazio social”.

Informale e di classe, il ristorante dispone di una mensola da condividere per drink o pasti veloci, un tavolo lungo ritmato da colonne per i grandi gruppi, tavolini per coppie o amici più riservati.

Volevamo ci fosse un legame diretto tra quello che accade in cucina e il pasto in sé – conclude Space Copenhagen – Per questo abbiamo disegnato i divanetti semi-circolari orientati verso la brigata al lavoro, invitando gli ospiti a diventare parte della preparazione e della vita del ristorante con un semplice gesto”.