Vision Hotel

Una nuova struttura turistica progettata dallo Studio Apostoli, che si presenta come un edificio moderno e contemporaneo, in continuo dialogo visivo con il lago di Garda e il suo panorama

di Agnese Lonergan

Foto di Maurizio Marcato, Enrico Galvani e Photo-Ring

Previous Next

A Peschiera del Garda, città Unesco dal 2017 per le sue antiche mura, opere di difesa veneziane, l’Hotel Vision progettato dallo Studio Apostoli, è un edificio la cui struttura risulta particolarmente interessante perché frutto dell’integrazione, e delle relative tecniche costruttive, di legno, XLam e acciaio. Distribuito su tre piani fuori terra, per un totale di circa 1.500 metri quadrati, l’hotel comprende 32 camere, due appartamenti, area colazione, bar, saa lettura e ristorante e, in esterni, anche un grande plateatico con piscina con sfioro a stramazzo, inserito in un parco piantumato fronte-lago, con caratteristici passaggi pedonali delimitati da gabbioni riempiti di ciottoli.

In dialogo con il territorio

Sotto il profilo architettonico, l’edificio si contraddistingue per la grande facciata composta da un particolare gioco di volumi aggettanti. I balconcini delle stanze, infatti, risultano sfalsati e danno vita a spazi dilatati e asimmetrici,movimento sottolineato dalla presenza di pannelli frangisole, in lamiera stirata, disposti in maniera solo apparentemente casuale.

L’uso delle grandi vetrate, insolito per questo genere di costruzioni, permette di alleggerire ulteriormente la struttura e di farla dialogare con il paesaggio, che diventa elemento fondante, parte dello stile, del design e del linguaggio espressivo del progetto. A livello cromatico, inoltre, la struttura, di colore “grigio light”, viene tagliata orizzontalmente dai marcapiano e verticalmente dai brise-soleil, tutti completamente bianchi.

Interessante la soluzione adottata per la scala di sicurezza esterna, risolta con un volume in lamiera stirata che controbilancia il vano scale principale conferendo simmetria alla struttura. L’effetto scenografico che ne risulta trasforma questo elemento, solitamente difficile da gestire, in un tassello iconico e caratterizzante dell’hotel.

Specifica attenzione è stata data anche all’illuminazione che evidenzia la particolare architettura dell’edificio anche nelle ore notturne, grazie a strip led inseriti in profili metallici che corrono in verticale lungo tutti i pilastri della struttura.

Un interior contemporaneo e informale

In interni, ognuno dei tre piani è contraddistinto da cromie e grafiche specifiche, mentre le stanze, dal design contemporaneo e informale, presentano un soffitto con travi in legno. Ne risulta un progetto di appeal emozionale, in grado di attrarre un target variegato. Un ottimo esempio di progettazione integrata che Alberto Apostoli così sintetizza: “Ci siamo trovati in una location straordinaria, in cui il rapporto tra cielo, lago e terra è davvero unico. Il progetto è stato così pensato per esprimere alcuni concetti base che sono scaturiti fin dal mio primo sopralluogo: la luce, la leggerezza, la straordinaria vista sul lago e una semplicità raffinata in grado di emozionare. Ne è risultato un ottimo esempio di architettura, elegante ma turistica, che mancava al lago di Garda, in grado di rappresentare uno standard stilistico nuovo. Il frutto di un’intuizione naturale ma al contempo sviluppata e progettata con molta cura e dettaglio, nel rispetto del territorio e delle potenzialità di questa location”.