The Club by Studiopepe

Nel nuovo Okko Hotels Paris Gare de l’Est, ultimo nato della catena francese di Olivier Devys e Paul Dubrule, The Club è un unico grande open space con vista sulla stazione disegnato da Studiopepe con luci al neon, soffici tappeti circolari e sinuosi divanetti rosa cipria

di Agnese Lonergan

foto di Giuseppe Dinnella

Previous Next

Porta l’inconfondibile firma di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto di Studiopepe il nuovo Okko Hotel a Parigi, con vista sull’iconica stazione Gare de l’Est. Cuore del progetto è Le Club, un ampio spazio di 400 metri quadrati il cui layout è una chiara reinterpretazione del piano libero: uno spazio fluido e continuo nel quale divisori leggeri e mobili – come tende e separè – creano ambienti più intimi e raccolti, ma senza mai frammentare la percezione e la prospettiva dell’ambiente, armonico e arioso, inondato dalla luce che filtra dalle grandi finestre direttamente affacciate sulla stazione. Una luce che enfatizza i colori e le texture di materiali tattili e suadenti.

Piccoli e avvolgenti divani, soffici tappeti circolari, voluttuosi velluti, luci gioiello al neon e una palette di colori morbidi e caldi: dal rosa cipria e polvere a tonalità più intense come cognac e terracotta, a mitigare il freddo brutalismo delle pennellate grigio cemento che fanno da sfondo a questa sorprendente scenografia. Tocchi di nero, ruggine e giallo cedro, oltre a studiati dettagli in ottone, completano il quadro di questo sofisticato e disinvolto rifugio metropolitano, abilmente sottratto alla frenesia del viaggio, nel quale sostare e rilassarsi.

Inatteso e mai banale anche il mosaico degli arredi selezionati da Studiopepe: romantici elementi vintage, iconici pezzi del design italiano – la lampada Atollo di Magistretti, le poltrone Sancarlo di Castiglioni e le sedute Boomerang di Rodolfo Bonetto – sono affiancati da componenti disegnati ad hoc per l’hotel. Tra questi spiccano originali e delicati loveseats e un grande chandelier che sovrasta la zona living, scultoreo e imponente.

Infine, per celebrare lo spirito del luogo e la sua storia, Studiopepe ha selezionato alcuni pezzi originali “rubati” all’Orient Express, il treno più iconico di tutto i tempi. Elementi che sono stati restaurati e valorizzati come opere d’arte o installazioni attorno alle quali gravita lo spazio e l’identità del nuovo e imperdibile Okko Hotel.