Rooms Hotel Kokhta

Sulle cime georgiane, Levan Mushkudian disegna un edificio che svecchia la tradizionale immagine degli chalet montani. Con interni di Rooms Design Studio che omaggiano l’artigianato locale

di Francesca Tagliabue

Previous Next

A due ore e quarantacinque minuti di auto dalla capitale Tbilisi e a circa 2.200 metri d’altezza, la piccola città georgiana di Bakuriani è una delle destinazioni nazionali più amate da chi pratica gli sport invernali.

Qui, stretto in un abbraccio di rocce e foreste di conifere, il Rooms Hotel Kokhta ha accesso diretto alle piste da sci ed è un punto di partenza privilegiato per il trekking. L’edificio è stato disegnato dall’architetto Levan Mushkudian che, con grande delicatezza, ha saputo svecchiare l’immagine vernacolare dello chalet inventando un design contemporaneo e tradizionale al tempo stesso.

Caratterizzato da una curiosa pianta angolare e composto da cinque piani fuori terra, il manufatto vive di un’alternanza di pieni e vuoti che ne alleggerisce l’immagine: le lunghe doghe di quercia che rivestono i fronti si alternano a lunghi balconi e terrazzi privati, con un numero di aperture che stupisce se si considera la location.

Gli interni portano la firma di Rooms Design Studio e sono un dichiarato omaggio allo stile e all’artigianato locale. Organici, semplici e naturali, gli spazi sono caratterizzati da una palette cromatica ispirata alla terra e sono resi speciali dalla presenza di oggetti artigianali tipici della Georgia, selezionati all’interno della collezione Wild Minimalism, sempre di Rooms Design Studio.

Il contrasto vincente è quello tra l’involucro minimalista e la ricchezza materica dei complementi e delle finiture: due linguaggi che si completano e si esaltano a vicenda. Oltre a una grande lobby con reception e aree conversazione attrezzate come piccoli soggiorni, il Rooms Hotel Kokhta dispone anche di una piscina esterna riscaldata, una sauna e una stanza per trattamenti benessere, oltre che a un ristorante interno che serve cucina nazionale.

Le stanze – divise tra standard, executive e suite – sono caratterizzate dall’ampio uso di tessili in lino grezzo, lampade in terracotta e grandi testate lignee che conferiscono volume e importanza ai letti.

Il sapore naturale è ripreso anche nei bagni, dove la terracotta diventa rivestimento a pavimento e parete e dove i lavabi sono vere e proprie vasche scolpite nella pietra. Come in montagna, come una volta.