Ergon House Atene

Alla Ergon House ad Atene modernità e tradizione si incontrano in un mix funzionale tra ospitalità e delicatezze culinarie. Un progetto di Urban Soul Project come omaggio alla cultura greca.

di Tita Vannucci

foto di Ioanna Roufopoulou

Previous Next

Ai piedi dell’Acropoli, nel centro storico di Atene, la gastronomia incontra l’ospitalità a Ergon House, una particolarissima struttura ricettiva con un vero e proprio mercato coperto al piano terra, ristorante annesso e hotel ai piani superiori. Il tutto realizzato secondo la filosofia di Urban Soul Project, lo studio di Salonicco che ha firmato il progetto e che, da sempre, opera coniugando tradizione e modernità con una visione unitaria di design e architettura.

La connessione con il genius loci è particolarmente evidente nell’uso dei materiali e dei colori, prevalentemente il bianco, che richiama le costruzioni tipiche della Grecia. Il mercato, al piano terra, è quello di quartiere, con la piazza del villaggio dove ti aspetti di trovare la comunità intenta in conversazione, il tipico bar di provincia e un’atmosfera nazional-popolare che ti mette a proprio agio. Ergon House si profila come trend che vede l’hotel aperto alla città con una commistione di servizi dedicati all’ospite ma, soprattutto, alla cittadinanza locale.

Nella piazza, intorno a un ulivo, albero sacro e simbolo della città di Atene, si collocano gli shop gastronomici, il fornaio, il fruttivendolo, una zona con pescheria e macelleria in un atrio a doppia altezza arricchito dai murales di Ino, il visual street artist più importante della Grecia, con un bellissimo fuori scala di Atena arciera e altri bozzetti di figure nere che ricordano l’arte ceramica del periodo classico. Sull’altro lato, a tutta altezza, una parete di verde verticale occhieggia al design biofilico mentre, nell’area destinata alla gastronomia, panche e tavoli in legno con sedie dal design tradizionale e differente tipologia accolgono l’avventore occasionale e il cliente dell’hotel, il viaggiatore moderno dal palato fino che approfitta della comodità della ristorazione a portata di mano.

Il richiamo al design tradizionale è sottolineato dall’uso del legno di quercia, albero ampiamente diffuso in tutta la nazione, ma anche con la pavimentazione in piastrelle in seminato, o “terrazzo”, tipica degli anni Trenta e Quaranta, qui utilizzata nella colorazione più scura e alternata a masselli in cemento posati a lisca di pesce.

Per accedere all’hotel bisogna attraversare la piazza coperta e salire di un piano per arrivare alla reception e all’area lounge. Le camere si affacciano sul ballatoio interno, secondo la tipica distribuzione intorno a un cavedio centrale, oppure in esterno sull’Acropoli, e sono strutturate secondo differenti tagli – small, medium, large e family – ma studiate con un’unica matrice, sui toni caldi del legno e del grigio dei tessuti artigianali. A pavimento, oltre al legno di quercia, predomina il seminato, scelto in una colorazione più chiara rispetto al piano terra e utilizzato anche in verticale dietro alle testate dei letti, in piastrelle di grande formato a posa sfalsata. Il letto è posizionato sul fondo delle stanze in una zona rialzata, su una pedana in legno, ed è impreziosito da una lineare struttura a baldacchino. Torna prepotente anche nelle stanze l’uso del vetro cemento, ampiamente utilizzato al pianto terra nelle zone a doppia altezza, e che riecheggia l’architettura residenziale di Atene anni Sessanta, oltre a mattoni di cemento che creano divisori dai motivi geometrici. Particolarmente ricercato è il disegno dei lavabi, ricavati da gradini in pietra intagliati e montati su una struttura in metallo brunito. La rubinetteria e gli accessori sono in ottone naturale, un dettaglio elegante giocato in contrasto con il brutalismo dei soffitti in cemento a vista.