Rituali di piacere

Le dimore Relais & Châteaux sanno prendersi cura dei loro ospiti fin dal risveglio alla mattina. Trasformando la colazione in un rituale che stimola tutti e cinque i sensi

Previous Next

La prima colazione in hotel è un servizio strategico, capace di fare la differenza. Molti hotel e catene lo hanno da tempo capito e puntano molto sul breakfast, sfruttandolo come strumento per conquistare e fidelizzare la clientela. È il caso delle dimore Relais & Châteaux, che sanno prendersi cura dei propri ospiti in ogni momento, soprattutto in quelli più importanti e intimi, come il risveglio alla mattina.E proprio al risveglio propongono una colazione che si trasforma in un rituale, capace di stimolare tutti e cinque i sensi e che prelude a un’esperienza autentica in alcuni dei luoghi più belli d’Italia. Ricche, gourmand e originali le proposte, che presentano un’offerta classica, ma sempre accompagnata anche da una speciale selezione di prodotti locali e ingredienti del territorio e da prelibatezze originali, dolci e salate, frutto della creatività degli chef.

Un risveglio da favola nel castello urbano

Château Monfort sorge nel cuore di Milano ed è ispirato al mondo delle fiabe e dell’opera. Lo stile che lo caratterizza è originale e ricercato e lo rende un vero e proprio“castello urbano”: un luogo magico dove ogni nuovo giorno inizia con una nota speciale, grazie a una prima colazione che si trasforma in un rituale di piacere,con numerose idee gourmet. La formula Dolce Risveglio prende il nome dall’omonima sala del Ristorante Rubacuori by Venissa, dove il gusto si sposa con la raffinata poesia degli ambienti. A deliziare l’ospite tante proposte per ogni desiderio, con una particolare attenzione ai prodotti healthy e realizzati direttamente dalla maison: ampio spazio è dedicato alla frutta, alle spremute vitaminiche e ai succhi energizzanti, mentre gli amanti del tè possono scegliere le miscele più pregiate, a cui accompagnare i deliziosi dolci che le cucine dell’hotel sfornano ogni mattina tra cui waffle, muffin e pancake. Il piacere del palato si sposa con quello della vista e di un’estetica del gusto esaltata dall’atmosfer aunica della dimora.

Nel tempio del gusto

Il celebre ristorante tristellato Da Vittorio a Brusaporto, in provincia di Bergamo, sorge in un’elegante villa circondata da un parco lussureggiante, in un angolo di pace della Lombardia: entrare qui vuole dire assaporare l’emozione di sentirsi parte per un momento di una delle più grandi famiglie della ristorazione e dell’ospitalità,i Cerea. Lo stile culinario inconfondibile è vivo da oltre 50 anni, ed è nato dall’intuizione del fondatore per poi evolversi nell’espressione artistica dei figli, che hanno integrato la tradizione con tecniche moderne. La qualità delle materie prime rimane al centro, valorizzata al meglio nelle creazioni della cucina, inclusa la colazione: chi soggiorna in una delle dieci camere della locanda di charme, potrà gustarla nella sala del primo piano con vista sul vigneto. Nuova e unica nel suo genere è la formula “La colazione da Vittorio”: un vero e proprio menu-degustazione servito in microporzioni a base di delizie dolci e salate, accompagnate da succhi freschissimi, composte, infusi e caffè d’autore.

Autentici sapori di Toscana

L’antico borgo medievale de Il Borro a San Giustino Valdarno abbraccia una tenuta di oltre 700 ettari e grazie alla dedizione e al grande lavoro di conservazione voluto dalla Famiglia Ferragamo, è in grado di trasmettere ancora oggi tutto il fascino di antiche tradizioni. Qui la natura è protagonista indiscussa anche nella cucina: il rispetto dell’ambiente e la salvaguardia del territorio sono al centro della raffinata opera dello chef Andrea Campani, che cura direttamente anche l’esperienza della colazione servita al piano terra del ristorante, nel Tuscan Bistro. Una grande varietà di prodotti locali è imbandita sulla tavola centrale della sala: salumi e affettati della Macelleria Tozzetti e di Selve Vall’Olmo, formaggi raffinati dell’affinatore De’ Magi, marmellate bio di Radici, yogurt e latte Palagiaccio. Non possono poi mancare il miele biologico del Borro e il pane fresco e profumato del Forno di Chiassaia, alle pendici del Pratomagno. Inoltre, gli ospiti possono assaporare gustose centrifughe fresche realizzate con la frutta e gli ortaggi dell’orto della dimora.

Nell’antico monastero

Relais San Maurizio si trova nelle terre del tartufo bianco, a Santo Stefano Belbo, nell’antico monastero cistercense che vanta una vista sconfinata sulle Langhe, entrate da poco a fare parte del patrimonio Unesco. Qui la natura è l’elemento portante dell’esperienza e il momento del risveglio è l’occasione perfetta per gustare le prelibatezze preparate dalla cucina dello chef Giovanni Gullace che, nella bella stagione, vengono servite nello splendido sagrato della chiesa sconsacrata.

Tra le proposte più originali gli yogurt che arrivano direttamente da piccoli produttori locali che utilizzano tre latti differenti – capra, pecora e mucca – per renderlo ancora più prezioso e digeribile. Anche i semi sono un elemento molto amato dallo chef Gullace, insieme alla frutta fresca con cui crea succhi e centrifugati energizzanti dai sapori insoliti e sorprendenti, come la centrifuga verde al cetriolo e wasabi.

Fascino rinascimentale

La dimora Relais Santa Croce si trova nel palazzo storico Jacometti Ciofi in via Ghibellina a Firenze, in pieno centro storico e a pochi passi dalla splendida Basilica di Santa Croce e dai più bei monumenti artistici della città. Qui risvegliarsi ammirando l’arte attorno a sé è un elemento imprescindibile del soggiorno, da accompagnare con i dolci gesti della colazione servita nel ristorante Guelfi e Ghibellini. Straordinaria la varietà di dolci fatti in casa, come torte, croissant, composte e marmellate artigianali, completata da una ricca colazione continentale con proposte gourmet come uova al tartufo o royale. Ad accompagnare il tutto, tante spremute realizzate al momento, oltre a selezioni di pregiate miscele di tè e caffè. E chi vuole coccolarsi con stile, può scegliere anche un flûte di prosecco da sorseggiare godendosi la vista su Firenze.